La Fiera degli Antichi MestieriStazione turistica dal cuore anticoVota il mestiere 2000Giochi e non solo....La cartina


COMUNICATO STAMPA DEL 8 MAGGIO 2003
FIERA NAZIONALE DEGLI ANTICHI MESTIERI: COMUNICATO STAMPA

REGIONE LOMBARDIA
COMUNE E PRO LOCO
DI CAPRINO BERGAMASCO
PROVINCIA DI BERGAMO
IL CENTRO

Il Centro organizza, in collaborazione con il Comune e la pro loco di Caprino Bergamasco, la 16^ edizione di:


"MESTIERANDA" FIERA NAZIONALE degli ANTICHI MESTIERI

che si terrà a CAPRINO(BG)
Sabato 31 Maggio 2003 dalle ore 14.00 alle 23.00
Domenica 1 Giugno 2003 dalle ore 9.30 alle 23.00
Lunedì 2 Giugno 2003 dalle ore 9.30 alle 20.00


Presentata giovedì 27 marzo 2003 su Rai Tre Nazionale nell'ambito della trasmissione "Cominciamo bene" in cui sono intervenuti gli organizzatori de" "Il Centro" e due artigiani del casalese (Dante Rossi- fabbro e Natale Sposato - cestaio), prosegue a CAPRINO il Tour 2003 di "MESTIERANDA" Fiera degli Antichi Mestieri", la manifestazione itinerante che ogni anno percorre il nord Italia presentando la sua vetrina d'Artigianato Artistico e Tipico.
Per garantire una migliore visita al copioso pubblico che ogni anno invade letteralmente le strade di Caprino, il Centro e il Comune hanno voluto prolungare la manifestazione di un giorno interessando, così, tutto il week end del due giugno.
Lungo la via principale di Caprino, intorno alla piazza Garibaldi ed all'antico Borgo, tra le case, ed i verdi cortili di Caprino, Artigiani ed Artisti allestiranno una ricca serie di "botteghe" all'interno delle quali faranno sfoggio dei loro manufatti migliori e dimostreranno al pubblico la pratica mirabile mediante la quale sono arrivati alla realizzazione di quei pezzi. Si scopriranno così, progressivamente, le infinite possibilità del "fare umano", da quello derivato da una tradizione e una pratica antica a quelle forme risultate dall'ingegno e dalla creatività degli uomini del nostro tempo: dai merletti al tombolo alle sculture in metallo e resina, dal Mosaico alla Pittura polimaterica, dalla lavorazione del Cuoio alla realizzazione di Sculture con le Radici di fiume, dagli Strumenti Musicali etnici ai Disegni di Sabbia, dalla Scultura della pietra alla lavorazione Artistica del Filo Metallico, dalla Tessitura al Telaio alla realizzazione di oggetti con Materiali di Riciclo e molte altre proposte affascinanti e sorprendenti.
Una Fiera degli Antichi mestieri che, quindi, non deve essere intesa alla stregua di un "presepe vivente" che ripropone lavorazioni estinte ormai solo da ricordare, ma come un'esposizione che vuole affermare la continuità del lavoro dell'uomo nel tempo. Lavoro che, pur avendo radici antiche, non necessariamente deve produrre oggetti "antichi", in disuso e obsoleti, ma può essere utilizzato per la realizzazione di forme nuove, talvolta risultate da una ricerca di design di ispirazione contemporanea.
Artigianato quindi in grado di evolversi, di essere ancora fonte di lavoro e di reddito, di essere competitivo e vincente sul prodotto industriale "usa e getta".
Artigianato non solo come prodotto ma anche come filosofia di vita: affermare il bello fatto a mano vuol dire anche riconoscere un percorso intellettuale dove il materiale, la tecnica e l'estetica si sposano in un prodotto non consumistico, non inquinante ed irripetibile.

La Fiera degli Antichi Mestieri, tesa verso l'esaltazione della pratica manuale e la celebrazione non solo del manufatto finito ma anche, e anzi soprattutto, della "spettacolarità" insita nell'esecuzione di quel manufatto, anche quest'anno vuole proporre al suo pubblico, in una forma del tutto nuova, una sezione di essa in cui sia possibile osservare delle realizzazioni particolari: la "LA MOSTRA DELLE OPERE ECCELLENTI" . Gli Artisti che hanno aderito all'iniziativa eseguiranno, in maniera estemporanea e quindi durante il corso della manifestazione, un manufatto relativo alla loro specialità presentata in fiera che interpreti il tema proposto dall'organizzazione: PANGEA. I partecipanti verranno raggruppati in un'unica area del percorso in modo che il pubblico possa cogliere l'organicità dello spettacolo dell'arte nel suo compiersi e, l'ultimo giorno di fiera, quando tutti gli elaborati verranno posti in una sala espositiva, valutare le proprie preferenze.

Ma non solo Artigianato e Arte figurativa caratterizzano la Fiera degli Antichi Mestieri: da sempre la manifestazione è anche un momento di festa trapunto dei più colorati SPETTACOLI ED INTRATTENIMENTI ( Speciale BIMBINSIEME per i bambini in primo luogo ma non soltanto per loro ). Difatti le due giornate di fiera vedranno avvicendarsi sui vari "palcoscenici" dislocati in tutto il percorso fieristico le più diverse specialità che costituiscono il genere dell'Arte di Strada: il teatro dei burattini dell'Associazione “Voglia di … Favola” che propone un viaggio nelle leggende e nei racconti della tradizione degli indiani d'America narrato attraverso l'antica arte popolare italiana del teatro dei burattini. Ci trasporteranno in questi mondi l'atmosfera di un tipico "Tepee" (tenda) e i burattini di cartapesta, che si presteranno a raccontare autentiche storie dei nativi americani. La maestria grafico - pittorica del Madonnaro Giovanni Perico il quale mostrerà al pubblico la sua Arte improntata sulla riproduzione fedele delle più famose opere d'Arte della storia eseguite interamente con i gessetti colorati ( egli stesso è l’autore del primo premio in palio nel Concorso "Vota il Mestiere 2003" che verrà assegnato, in seguito a sorteggio, a chi compilerà l'apposito tagliando, di cui tutti i visitatori saranno forniti, con la propria preferenza sulle lavorazioni viste in fiera).

Gli spettacoli sui trampoli e l'animazione del gruppo Zagara & Co. che coinvolgerà direttamente il pubblico con balli, spettacoli, giochi ed intratterrà i bambini in un punto - trucco dove su richiesta sarà possibile essere truccati sul viso con coloratissime maschere e decorazioni. Mario il giocattolaio il quale offrirà ai bambini di oggi la possibilità di conoscere i giochi di una volta: la costruzione della "palla pazza" o "parapalla" o "Yoyo" in materiali naturali, il lancio della trottola di legno, il gioco delle noccioline di Nonno Paolo, la dama cinese e molti altri giochi capaci di risvegliare nelle persone adulte la memoria del divertimento relativo alla loro infanzia o adolescenza e di permettere ai giovani di oggi di capire come ci si divertiva una volta. Il clown Bingo, che presenterà lo spettacolo dal titolo "Clown time machine", un viaggio nel tempo in varie epoche e in varie situazioni in cui accadrà di tutto, tra teatro, magia, comicità e giocoleria. Il teatro di strada de "I Nuovi Amici" in cui situazioni comiche, giocolieri, abili ginnaste, sputa - fuoco e fachiri coraggiosi si fonderanno in tutt’uno per regalare una storia ed un sorriso. L'intrattenimento sulla cultura e sulle tecniche del combattimento medievale della Compagnia del Pomo e della Punta, un drappello di armigeri armati e vestiti di tutto punto a disposizione degli ospiti per parlare di medioevo, con armamenti difensivi ed offensivi esposti per essere toccati e tante informazioni su come l'uomo medioevale vestiva e combatteva L'intrattenimento per bambini dell'Associazione Culturale Eureka che allestirà all'interno della Fiera dei laboratori in cui sarà possibile imparare a costruire semplici oggetti con materiale di riciclo e non, o creare originali giocattoli personalizzati. Il Circo del gruppo "Las Vegas" con i suoi fachiri, mangia - fuoco e domatori … uno spettacolo coinvolgente e ricco di azioni mozzafiato. Il teatro per bambini della Compagnia "Teatrodaccapo" che presenterà "Un sogno nel castello" , spettacolo d'Arte varia che contiene gioco fiabesco, svago, divertimento, spontaneità e coinvolgimento del teatro fatto "tra" la gente. Il Cantastorie de Londalunga, Alberto Bertolino, che presenterà con il suo organetto di Barberia la tradizione e il magico mondo dei musicisti itineranti del passato. Il club dei fedelissimi "Baffi e Barbe" che riunisce una trentina di persone, farà rivivere, la domenica 1° giugno alcuni dei più importanti personaggi storici: questo naturalmente grazie alle acconciature, ai baffi e alle barbe, ma anche ai costumi, che vengono curati nei minimi dettagli. Tra i più ammirati Verdi, Garibaldi, Cavour, Napoleone III Bufalo Bill, SandoKan, Vittorio Emanuele II. Una giuria popolare decreterà, dopo le sfilate, il sosia più fedele e simpatico.
Infine l'edizione 2003 della Fiera degli Antichi Mestieri ha il piacere di presentare un graditissimo ritorno sul suo palcoscenico ( saranno presenti nella giornata conclusiva della Fiera): CANTOVIVO, la storica band affermata a livello nazionale e internazionale che, guidata da Alberto Cesa, da venticinque anni rappresenta una fra le più alte espressioni di un genere che coniuga i più radicati "modi" della cultura popolare con la "cosmopolita" canzone d'Autore; le antiche ballate, le danze di memoria contadina, le sonorità prodotte dagli strumenti tradizionali con la canzone di cronaca, i canti sociali e il "linguaggio urbano e operaio". Accompagnerà loro in questo viaggio un nutrito gruppo di amici, esecutori dei più svariati generi musicali ma accomunati da un unico "umore festaiolo", che si esibiranno Sabato 31 Maggio e Domenica 1 Giugno . Il gruppo MISHKALE' inoltre, realtà emergente di grande livello che spazia dalla tradizione piemontese alla musica zingara e klezmer, affiancherà CANTOVIVO Lunedì 2 Giugno.
…E per arricchire ulteriormente questo clima di festa, l’organizzazione ha predisposto un apposito SPAZIO LIBERO dove chiunque, professionista o no, potrà presentare un suo spettacolo, discorso, sermone ecc. per il divertimento proprio e del pubblico.
Le prenotazioni sono accolte presso la segreteria della fiera o telefonando al n° 011/85.11.60

Chi vorrà degustare prelibati piatti ed assaporare buon vino, potrà usufruire dei numerosi punti - ristoro locali.

Un decina di stand gastronomici saranno, inoltre, a disposizione dei palati più raffinati per offrire Miele e Prodotti dell'Alveare, Pasticceria e Dolciumi, Miasse Canavesane, Salumi vari e Formaggi, Vino e altro, specialità prodotte artigianalmente in modo naturale e genuino.

Comodi parcheggi situati nei pressi della manifestazione e permetteranno ai visitatori di raggiungere la Fiera.

Sarà piacevole trascorrere una giornata, assieme alla famiglia ed agli amici, all'aperto, tra il verde sotto un cielo ancora da respirare, in mezzo all'allegria di una folla curiosa e composta.

Il piccolo e suggestivo paese di CAPRINO BERGAMASCO è facilmente raggiungibile dai più importanti centri dell'Italia nord occidentale. Per raggiungere Caprino (BG):

• Autostrada VENEZIA – TORINO uscita BERGAMO > Direzione LECCO > PONTIDA > CAPRINO BERGAMASCO

• Autostrada TORINO – VENEZIA uscita AGRATE > Direzione LECCO > BRIVIO > Direzione BERGAMO > CISANO > CAPRINO BERGAMASCO

La manifestazione si terra' con qualunque condizione di tempo.
Ingresso sei Euro, comitive prenotate quattro Euro.


Per ulteriori informazioni: IL CENTRO - TORINO TEL. 011 / 85.11.60

www.antichimestieri.it oooooooooooinfo@antichimestieri.it

Torino, 8 Maggio 2003 IL CENTRO S.r.l.
Luigi De Castelli

CLICCA QUI PER VEDERE L'ELENCO DELLE LAVORAZIONI
DI CAPRINO BERGAMASCO FIERA 2003